X Cookies erleichtern die Bereitstellung unserer Dienste. Mit der Nutzung unserer Dienste erklńren Sie sich damit einverstanden, dass wir Cookies verwenden. Weitere Informationen zu Cookies.
Besucher aktuell: 3598 (0 eingeloggt)
Home  >  Buchenstein  >  Events  >  2014

Assistenza a manifestazioni

Anno 2014

Durante l'aano 2014 la sezione di Livinallongo ha effettuato servizi di assistenza sanitaria per varie manifestazioni sportive e non.
Le manifestazioni per le quali la Croce Bianca ha prestato srevizio sono le seguenti :
  • HERO 2014
  • SELLARONDA BIKE DAY
  • MARATONA DLES DOLOMITES
Stufe 1: öffentlicher Bereich

OPEN DAY 2014

In data domenica 29 giugno 2014 la sezione di Livinallongo/Fodom della Croce Bianca di Bolzano ha organizzato per la popolazione di Fodom una giornata “Open Day”.
Open Day consiste in una giornata a porte aperte, ovvero per un giorno la sezione di Fodom ha messo a disposizione dei Fodomi 13 volontari per spiegare alla gente l’attività svolta dall’associazione, nonché le tecniche basilari di primo soccorso.
La giornata ha avuto inizio alle ore 09:00 ha avuto luogo in centro ad Arabba.
La sezione ha messo a disposizione degli interessati 3 stand, in ogni stand venivano svolte attività differenti.
Il primo stand era adibito a fornire informazioni di carattere generale sulla Croce Bianca di Bolzano, come ad esempio Struttura, organizzazione e operato.
Nel secondo stand sono state presentate 2 tecniche di soccorso di base: il BLS e il PBLS; a chi era interessato venivano spiegati i due algoritmi e veniva data la possibilità di provarli personalmente sui manichini.
I volontari,inoltre, hanno spiegato e dimostrato gli algoritmi BLSD e PBLSD.
Nel terzo stand è stato indotto un mini concorso di disegno nell’ambito del soccorso per i bambini.
17 tra bambini e ragazzi hanno partecipato al concorso facendo i loro disegni, i quali sono stati successivamente valutati da 2 giudici esterni alla Croce Bianca; i bambini che hanno fatto i disegni più belli hanno ricevuto un piccolo premio dai capisezione Andrea e Antonella
In prossimità degli stand vi erano inoltre le ambulanze in dotazione alla sezione per permettere a chi voleva di entrare in ambulanza per entrare e vedere come sia un’ambulanza.
La giornata si è conclusa alle ore 13:00, è seguito il pranzo per i volontari che hanno collaborato.
La sezione si ritiene soddisfatta della giornata, in quanto l’afflusso di gente è stato superiore al previsto, visto anche il tempo meteorologico avverso.
 
Stufe 1: öffentlicher Bereich

VIVA

2014

Anche quest’anno la Croce Bianca Fodom ha aderito all’iniziativa “Viva”, la settimana di sensibilizzazione sul tema della rianimazione cardiopolmonare voluta dal parlamento europeo.
Cosi domenica 19 ottobre 2014 sette volontari hanno stazionato tutta la mattina sulla piazza di Pieve con 2 ambulanze e tutta l’attrezzatura necessaria per spiegare e provare in pratica le varie manovre della rianimazione cardiopolmonare.
La bella giornata autunnale e le tante gite organizzate nel finesettimana non hanno certo una presenza massiccia di gente. Ma tra i presenti un buon numero si sono avvicinati agli stand della Croce Bianca per sentire le spiegazioni dei volontari e per farsi guidare nelle manovre sul manichino.
Per alcuni era la prima volta, altri le avevano già sperimentate. “Ciò significa” spiegano i volontari “ che pian piano si comincia a capire l’importanza di provare queste manovre almeno una volta all’anno per non rischiare di dimenticarle”.
In Europa le vittime di arresto cardiaco sono circa 400mila all’anno e le percentuali di sopravvivenza sono bassissime: meno del 20% delle vittime di arresto cardiaco sopravvive fino alla dimissione dall’ospedale. Una percentuale che potrebbe cambiare significativamente con un intervento tempestivo da parte di chi si trova a dover fronteggiare tali emergenze. È dimostrato che se i testimoni di un arresto cardiaco iniziano la rianimazione cardiopolmonare (RCP) prima dell’arrivo dell’ambulanza e degli operatori sanitari le possibilità di sopravvivenza aumentano di due se non tre volte rispetto ai casi in cui la RCP non viene iniziata immediatamente. Nel 70% dei casi l’arresto cardiaco avviene in presenza di testimoni ma la maggior parte della popolazione non sa somministrare la RCP. In Europa la RCP viene somministrata dai testimoni solamente nel 15%dei casi. Se si riuscisse ad aumentare tale percentuale dal 15% a circa il 50 – 60% si potrebbero salvare circa 100.00 persone all’anno in più. Con l’occasione la sezione di Fodom ha avviato anche un’altra interessante iniziativa: offrire la possibilità di farsi misurare, in modo completamente gratuito, i parametri vitali, come la pressione e il battito cardiaco. “questa giornata” raccontano i volontari “è stata un banco di prova ed il riscontro è stato positivo. La nostra intenzione è di ripeterlo una volta al mese, alternativamente a Pieve e Arabba. Lo faremo ancora a Novembre e poi sospenderemo per l’inverno per gli ovvi motivi che tutti comprenderanno, per riprendere in primavera. Anche questa è un’occasione per dare un servizio e stare tra la gente.
 
Stufe 1: öffentlicher Bereich
© Landesrettungsverein Weißes Kreuz-onlus 2008